← Mostre

David De Beyter
The Skeptics

The Skeptics - David De Beyter The Skeptics - David De Beyter The Skeptics - David De Beyter The Skeptics - David De Beyter The Skeptics - David De Beyter

Dettagli Sulla Mostra

Nel 1974, l’implosione di un missile Americano provocò la formazione di un cerchio di luce tra le Canarie e il sud del Sahara. All’episodio seguì un’ondata di avvistamenti UFO, culminata in un raduno che nel 1989 riunì più di 10.000 persone a Las Cañadas, Tenerife.

The Skeptics traccia una linea tra questi eventi e l’ufologia, disciplina che tenta di analizzare gli avvistamenti UFO secondo criteri scientifici per stabilirne le cause reali. Le immagini di De Beyter si collocano a metà tra la metodologia rigorosa degli ufologi, e il pensiero magico di chi crede ciecamente in un fenomeno – o nell’impresa di demolirlo. Nel loro insieme, esprimono il tentativo di guardare da vicino qualcosa di estremamente distante. Immagini d’archivio risalenti agli eventi di Tenerife incontrano documenti pseudo-scientifici. Nuove fotografie e video realizzati alle Canarie si mescolano con immagini costruite in camera oscura, senza macchina fotografica, in cui l’autore imprime sul negativo bruciature ed esplosioni, che assomigliano ad avvistamenti. Possiamo davvero fidarci delle immagini? Qual è la loro veridicità?

Il regista e antropologo Jean Rouch scrisse che “il ruolo dell’antropologia è quello di mettere in circolazione oggetti disturbanti”. Questo insieme di materiali obsoleti e falsi ritrovamenti non vuole provare l’esistenza degli UFO, né la loro non-esistenza. È una traccia della cultura che li circonda, della sua poesia e della sua assurdità. È una riflessione su come la loro storia sia, in fin dei conti, una storia di fotografie: superfici su cui proiettare un’ipotesi e il suo opposto, ancore rese possibili solo dalla loro ambiguità.

Sull'artista

David De Beyter (Francia, 1985) è un artista e fotografo diplomato presso all'ENSAV La Cambre, Bruxelles e lo Studio National des Arts Contemporains di Fresnoy. Ispirato all’antropologia, il suo approccio alla fotografia è concettuale e documentaristico al tempo stesso, e riflette spesso su comunità marginali e sull’idea di obsolescenza. I suoi lavori sono stati esposti in diverse sedi tra cui Rencontres de la Photographie d'Arles, Frac Grand-Large, FOAM Amsterdam, Musée de l'Elysée e Fotomuseum Winterthur. Con RVB Books, ha pubblicato i libri Damage Inc nel 2018 e Build and Destroy nel 2022.

Dove

Main Location - Spazio Bianco, DumBO

Via Camillo Casarini, 19 – Bologna
12-15 settembre
Gio 15:00-21:00. Ven-Dom 10:00-21:00

Ingresso con biglietto €10 (ridotto €8)

Anatomy Of An Oyster → CLOSER → Screening Room → Disruptions → The Studio → Only In Good Taste → Grande Padre → Octopus’s Diary → Decalcomania → Close-up → High Seas, High Hopes → Two Ways To Carry A Cauliflower → Dummies & Books From FOLIO 2024 → Härmä / Hoar → Existential Boner → Trajectories →
Biglietti